Eolie Hotel - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Eolie Hotel
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: EOLIE HOTEL
 Le Isole Eolie dette anche Isole Lipari, sono un arcipelago di origine vulcanica, situato nel Mar Tirreno, in provincia di Messina, a Nord della costa sicula. Comprendono ben due vulcani attivi, Stromboli e Vulcano, oltre a vari fenomeni di vulcanismo secondario.
 Le Isole Eolie hanno una storia antica. Fin dal neolitico vi si lavorava l'ossidiana (vetro vulcanico derivato dal raffreddamento delle lave) la quale veniva utilizzata, essendo dura e tagliente, per costruire armi ed utensili vari. L'esportazione dell'ossidiana in tutto il mediterraneo diede a Lipari, in particolare, una grande ricchezza economica. Verso il 2500 a.c. con l'avvento dell'era dei metalli il mercato dell'ossidiana and˛ perdendo molta della sua importanza, ma data la sua felice posizione geografica Lipari non ne risentý pi¨ di tanto. Verso la fine dell'etÓ del bronzo e l'inizio dell'etÓ del ferro Lipari viene invasa da genti provenienti dall'italia (cultura subappenninica) a loro volta cacciati da altre genti sempre provenienti dall'italia i cui manufatti li fanno ritenere appartenenti alla civiltÓ 'villanoviana'.
 Nei secoli VII e VI a.c. le Eolie furono stremate dalle continue scorrerie degli Etruschi, ma una svolta nella storia delle isole avviene con l'inizio della colonizzazione greca. Nel 580 a.c. alcuni profughi e avventurieri provenienti dalla colonia spartana in asia minore di Cnido, guidati da Gorgo, Testore ed Epitersite sbarcarono a Lipari ed insieme alle popolazioni locali riuscirono efficacemente a rintuzzare le incursioni etrusche. Nel 264 a.c. allo scoppio della prima guerra punica Lipari Ŕ alleata con i Cartaginesi e deve quindi subire i ripetuti attacchi della flotta romana. Soltanto nel 252 a.c. il console romano Caio Aurelio la sottomettera' a Roma.
 In occasione della guerra civile, viene conquistata tra il 37 e 36 a.c. da Ottaviano contro Sesto Pompeo, in quella occasione, i partigiani di Pompeo vennero esiliati in Campania. Caduto l'Impero Romano le isole attraversano un periodo di desolazione. La dominazione bizantina accentu˛ tale decadenza. L'occupazione araba dal 827 al 1061 coincise con una ulteriore fase di decadenza. La venuta dei normanni, invece, diede nuovo impulso alla vita delle Eolie. Il Gran Conte Ruggero fece in modo che nelle isole si stabilisse una comunitÓ benedettina. Nel 1131 viene ricostituita la sede vescovile a Lipari.
 Fino al 1340 passando attraverso gli svevi, gli angioini e gli aragonesi, le isole Eolie godettero di una notevole prosperitÓ grazie ai privilegi che i vari governi andavano dispensando. Nel 1544 una flotta turca, dopo undici giorni di assedio, distrugge Lipari portandosi in schiavit¨ circa 8.000 abitanti. Soltanto nel 1691 gli abitanti tornarono ad essere circa 10.000 dopo una lenta ricostruzione.
 Agli inizi del XIX secolo Lipari divenne lo scalo obbligato di parecchie linee marittime. Questo stato di cose contribui ad un grande sviluppo economico delle Eolie, basti pensare che nel 1891 gli abitanti superarono le 20.000 unitÓ Momenti difficili vennero con la filossera che provoc˛ la distruzione di numerosi vigneti ed una generale crisi economica che provoc˛ l'emigrazione di quasi il 50% degli abitanti delle isole. In questi ultimi 50 anni il boom turistico ha portato nelle isole un benessere economico senza precedenti. Conservare questa leadership turistica rappresenta l'imperativo categorico per gli eoliani. Tale imperativo passa attraverso la continua conservazione e valorizzazione di quel grande patrimonio culturale e paesagistico che l'arcipelago rappresenta.